Editoriali

L’ambiente tra storia, scienza e politica – Giacomo Bonan

The Environment between History, Science and Politics
In recent years, the ecological crisis has raised growing concerns and provoked activism at the social, political and cultural levels. The issue has been important in the historiographical debate as well. The article offers an overview on how historians have dealt with the environmental question and, on the other hand, how the environmental question has influenced the historian’s craft.

Key words: Ecological crisis, Environmental history, Environmental humanities, Green new deal
Parole chiave: Crisi ecologica, Storia ambientale, Umanesimo ambientale, Green new deal

Nel 2008, sull’isola di Spitsbergen, arcipelago norvegese delle Svalbard, è stato inaugurato lo Svalbard Global Seed Vault, il più grande deposito di semi nel mondo (attualmente ne conserva oltre un milione). L’esigenza di un’iniziativa di questo tipo era motivata dalla rapida scomparsa di numerose varietà colturali, nell’ambito di un processo più vasto che non riguarda solo le piante, ma anche gli animali, tanto che diversi esperti definiscono il fenomeno attualmente in corso la sesta estinzione di massa. Su quale sia la principale causa di questa vasta e rapida perdita di biodiversità ci sono pochi dubbi: essa è dovuta in primo luogo all’azione umana. [1]
Per rispondere a questa sfida e conservare almeno le sementi di tipo agricolo, il sito ideale è stato individuato nell’arcipelago artico delle Svalbard, all’interno di una montagna dove un tempo era attiva una miniera di carbone, avvolto dal permafrost che avrebbe dovuto facilitare la refrigerazione delle sementi. Nei giorni dell’inaugurazione, fu scritto che la struttura era «progettata per durare un millennio e per resistere a un’ampia gamma di disastri globali inclusi il cambiamento climatico, una guerra nucleare e l’impatto di un asteroide» [2]. L’ex presidente della Commissione Europea, José Manuel Barroso, parlò di «un luogo dove la vita può essere mantenuta in eterno, qualsiasi
cosa succeda nel mondo» [3].

[1] E. Kolbert, La sesta estinzione. Una storia innaturale, Neri Pozza, Vicenza 2014.
[2] www.theatlantic.com/technology/archive/2012/02/after-4-years-checking-up-on-thesvalbard-global-seed-vault/253458/ (gli URL sono stati tutti verificati il 2 gennaio 2020).
[3] www.ilpost.it/2016/11/17/il-posto-dove-mettiamo-tutti-i-semi-del-mondo.

“Passato e Presente”, 110 / 2020

Leggi l’intero editoriale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...